Zagaglia al MATA, ultimi giorni e nuove sagome in mostra

Nuove immagini di Ferrari, Bottura, Pavarotti e del fotografo, che incontrerà il pubblico il 7 luglio.

L’esposizione, vista finora da oltre 3.500 persone, visitabile fino a domenica 10 luglio. Immagini di Ferrari, Bottura, Pavarotti e del fotografo, che incontra il pubblico il 7 luglio.


Finora l’hanno visitata oltre 3.500 persone (3.564). E finora esponeva, insieme a centinaia e centinaia di ritratti di persone che popolano Modena, anche 37 sagome a grandezza naturale, diventate 41 in occasione degli ultimi giorni d’apertura. A quelle già presenti, infatti, si sono aggiunte le sagome di Enzo Ferrari, Luciano Pavarotti e Massimo Bottura, modenesi che hanno portato Modena nel mondo, ritratti dall’obiettivo di Zagaglia, a cui è dedicata l’ultima delle nuove immagini. 
Restano pochi giorni per poter visitare la mostra “Modenesi e Modena. Fotografie di Beppe Zagaglia” al Mata di via della Manifattura dei Tabacchi, che fino al 10 luglio apre gratuitamente al pubblico da giovedì a domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 19.30. 
Al Mata, giovedì 7 luglio alle 18, l’autore è protagonista di un incontro aperto a tutti per parlare di Modena, dei modenesi, del suo lavoro, del suo amore per la città. 
E proseguono anche le proiezioni a ingresso libero e a ciclo continuo dei filmati sulla modenesità su temi diversi, uno per ogni giornata di apertura, con protagonisti della scena culturale, sociale, artistica, e imprenditoriale della città. 
Questo il programma dei video da venerdì 8 a domenica 10 luglio: venerdì 8 luglio “Bruno Urbini”, con Guido Urbini, Valdo Chiapponi e Davide Tonelli; sabato 9 luglio “Il 14 agosto ai Giardini”; domenica 10 luglio “A Modena quando c’era il Duca”, lettore Tino Bordone.

beppe zagaglia